Carta dei servizi

 

La norma che istituisce il documento è il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 07.06.1995 (Schema generale di riferimento della “Carta dei servizi scolastici”) e la Direttiva 21 luglio 1995, n. 254 “Carta dei servizi scolastici”.

 La Carta assume come principale fonte di ispirazione dei propri principi gli articoli 3, 33 e 34 della Costituzione italiana.

 

L'art. 3 così recita: " Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. "

L'art. 33, tra l'altro, afferma: " L'arte e la scienza sono libere e libero ne è l'insegnamento."

Infine, l'art. 34 ricorda che: " La scuola è aperta a tutti. 1 capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi..."

 Con la CARTA DEI SERVIZI la scuola intende avviare il principio della QUALITA' del servizio scolastico offerto, nella consapevolezza che non è giustizia il fare parti uguali tra diseguali, ma solo se si dà di più a chi ha di meno.

 

L'uguaglianza non è uniformità: quando si danno risposte uguali a bisogni diversi, altro non si fa che incrementare le disuguaglianze. Solo risposte differenziate e individualizzate contribuiscono a potenziare e predisporre meglio gli apprendimenti e le capacità di ciascuno; a realizzare il diritto di cittadinanza.

 

 



Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.